sabato 22 luglio 2017

RINGANA: biocosmesi e integratori vegani freschi, la mia ultima sfida!!!

Ho sempre pensato che non è mai per caso che le nostre strade si incrocino, quasi per gioco, con quelle di altre persone o altre situazioni e, in modo quasi inconsapevole, ci portino diritti diritti verso una NUOVA SFIDA!!!



Vi è mai capitato di essere folgorati da un prodotto o meglio ancora da una FILOSOFIA, un CONCEPT, si insomma un modo di interpretare le cose che è molto molto vicino al vostro e allora vi sembra di parlare la medesima lingua... ecco a me è capitato...



Mi è capitato con RINGANA, si esattamente questa eccezionale ditta austriaca che, il suo "Guru", Andreas Wilfinger, ha reso illuminata nell'arco di un ventennio, e non sono pochi anni, vi direte voi!!!

Ecco di RINGANA sono stata colpita prima di tutto dalla sua filosofia basata essenzialmente su pochi e precisi punti:

Ingredienti Puri : esclusivamente tratti da principi attivi vegetali e vegani;



Efficacia Vera: si estraggono le sostanze vitali dalla natura, frutta, verdura, erbe officinali, radici, ottenendone l'essenza più efficace;

Freschezza assoluta: Non vengono utilizzati conservanti di nessun tipo. 
I prodotti sono confezionati freschi e per questo hanno una data di scadenza più breve.

No esperimenti sugli animali e imballaggio consapevole: Nulla è lasciato al caso in Ringana.
 La Natura da cui vengono tratti i principi attivi essenziali per la produzione è tenuta in massima considerazione durante tutto il processo di produzione.

Ricerca e produzione: Immaginate un luogo dove la filiera produttiva inizia dalla ricerca, passando per la produzione, arrivando alla spedizione diretta nelle mani del cliente.
Solo cosi si può mantenere un elevatissimo STANDARD QUALITATIVO;

Qualità pluricertificata: Sono innumerevoli i premi e riconoscimenti che Ringana ha ricevuto, come il GREEN BRANDS AUSTRIA, Il LUXE PACK, L'ENTREPRENEUR OF THE YEAR e molto molto altro...

E i prodotti, vi chiederete?



Beh sono moltissimi, vanno dalla linea di cosmesi FRESCA per viso e corpo agli integratori naturali fino alle bevande fresche,  senza tralasciare l'olio per denti che l'ha resa famosa in ogni dove!!!



Tutti questi prodotti eccezionali possono essere ordinati direttamente tramite il comodissimo sito ufficiale e chiaramente nel particolare attraverso di me che, a tutti gli effetti, sono diventata una
PARTNER INDIPENDENTE DI FRESCHEZZA RINGANA!!

http://www.ringana.com/1590126

Questa la mia pagina fb: Ringana Vale

https://www.facebook.com/RinganaVale/

ps: cercatemi e piacciatemi se vi aggrada e contattatemi se volete fare un ordine, saprò consigliarvi al meglio;-)




Le spedizioni possono arrivare in tutta Europa, quindi non preoccupatevi se siete lontani dalla Svizzera dove ormai risiedo felicemente. Io, insieme a Ringana, posso arrivare ovunque:-)

E per finire una chicca: siccome Ringana non tralascia proprio nulla al caso, sapete che all'interno delle confezioni che vengono spedite dalla sede direttamente al cliente, i prodotti sono sistemati comodamente in mezzo a tante belle "chips di mais" (occhio a non mangiarle peró...;-)) come degno sostituto, assolutamente naturale, del polistirolo e cosi i miei bambini all'arrivo di un pacco si divertono anche a creare fantastiche composizioni incollandole con acqua tra di loro!!!

Bello ed ecologico non trovate?

Allora non Vi resta che provare questi fantastici prodotti 100% FRESCHI RINGANA o magari collaborare anche voi come partner di freschezza, perché no??

Io da oggi sono a disposizione per ordini, delucidazioni sui prodotti, e possibilità di collaborazione in team!!!

Fatemi sapere....

Vi saluto con il mio proverbiale entusiasmo...

MammaStranger (Valentina)




venerdì 14 luglio 2017

Le ricette di MammaStranger: Barattolino delizioso pesche e mascarpone

Buongiorno a tutti!!!

Come stanno andando le vostre vacanze?

Ditemi la verità quante volte avete acceso il forno quest'estate??? ahh ahhh, eh lo so , lo so che al solo pensiero di un forno acceso dentro casa, vi viene il mal di pancia... tranquille succede anche a me;-)

E' per questo che io amo utilizzare il mio "adorato Thermomix" anche d'estate, sia per evitare di accendere il forno, sia per ricette fresche ed estive.

Questa sera avrò una cena ed ho pensato di preparare un dessert che i miei bambini amano particolarmente, già il nome è tutto un programma: 

Barattolino delizioso pesche e mascarpone.





Un delicato dessert a base di biscotti cookies home made, crema al mascarpone,  e pesche zuccherate.

Ed ecco la ricetta per voi.

Ingredienti:

2 uova
1 tuorlo
130 gr di zucchero
500 gr di mascarpone
300 gr di biscotti tipo cookies home made oppure acquistati
300 gr di sciroppo di limoncello
200 gr di pesche a pezzettini
succo di mezzo limone
50 gr di zucchero



Preparazione:

Lavare e tagliare a pezzettini le pesche e metterle in un recipiente con il succo di mezzo limone e 50 gr di zucchero;

Posizionare la farfalla. Mettere nel boccale le uova, il tuorlo e lo zucchero, montare: 6 min, vel 4. Togliere la farfalla

Mescolare: 2 min, vel 3, aggiungendo il mascarpone a cucchiaiate dal foro del coperchio.

Passare velocemente i biscotti cookies in uno sciroppo preparato al momento a base di 50 gr di acqua, 1 cucchiaio di zucchero e 1 cucchiaio di limoncello;





Adagiare i biscotti sul fondo del barattolino, aggiungere 2 o 3 cucchiai di crema al mascarpone e in cima completare con una bella cucchiaiata di pesche zuccherate, preparate in precedenza.


Mettere il tutto in frigorifero per circa un paio di ore prima di servire.

Poi mi direte...che bontà;-)

MammaStranger (Valentina)

nb: con la ricetta proposta si otterranno circa 6-7 barattolini deliziosi:-)

martedì 11 luglio 2017

Vi racconto le mamme Expat: Milano - Santo Domingo... sola andata!!!


"Non è il titolo del nuovo film di Natale dei fratelli Vanzina, ma un po' quello che è successo a noi. 
Io son amante dei viaggi da sempre, Milano mi è stata un po' stretta da che me ne ricordo e le mia curiosità mi ha sempre spinto a voler andare e conoscere il mondo. Ho vissuto 6 mesi in Egitto nel 2002, quando ero giovanissima. E una volta ritornata, nonostante la vita sembrasse aver preso binari comodi e sicuri, la voglia di ripartire non si è mai assopita. 

Nel 2011, con mio marito, abbiamo iniziato a pensare seriamente ad un trasferimento. Ci siamo accorti di aver bisogno di dare uno stop alla vita così come stava andando. Avevamo bisogno di tempo, di calma, ritmi lenti e più umani. E ci abbiamo voluto provare.

Abbiamo iniziato a studiare la cosa, qualche mese per organizzarci e ci siamo trasferiti! 
Non è stato semplice, anzi. Ma a distanza di 5 anni e di una bambina ( ;) ) posso assolutamente dire che PER NOI è stata la scelta migliore che potessimo fare.


A Sosua abbiamo trovato proprio la lentezza e la vita a misura d'uomo che cercavamo. Certo abbiamo rinunciato a tante cose (stipendi sicuramente più alti, comodità, aver tutto a portata di mano, etc) ma ne abbiamo guadagnate altre. Mare e clima caldo 12 mesi all'anno come prima cosa. Che per una milanese è un aspetto mica da poco ;)  Ma non solo! Ringrazio ogni giorno il fatto di poter stare insieme, noi come coppia ed ora con Priscilla. Poter godere della natura, fare cose per noi stessi.



Ovviamente ci sono cose che ci mancano. Primo fra tutti, le nostre famiglie e gli amici. Affetti lontani che a volte, nella quotidianità, ti manca non aver li accanto, a portata di abbraccio. Passare sempre da uno schermo, diciamocelo, a volte non è affatto sufficiente! 
Ogni tanto mi chiedo (ma soprattutto mi chiedono) se ho voglia di tornare a vivere in Italia.  E sinceramente adesso come adesso la risposta è no. Anche la vacanza italiana che stiamo vivendo proprio in questo periodo, me lo ha confermato. 

Mi piace la brillantezza e la vivacità di Milano, gli stimoli e le opportunità. E per un paio di mesi me li son goduti, partecipando ad eventi e sfruttando questo periodo per provare e far provare alla mia bimba, cose che in repubblica dominicana non possiamo fare. Ma pensare di tornare in pianta stabile, no. Non riesco a reimmaginarmi a vivere qui. 

Da quando ho aperto il blog Centrifugato di mamma in tantissimi mi scrivono per avere informazioni, per sapere com'è vivere in Repubblica Dominicana. 

Io fatico sempre un po' a rispondere. Credo che ogni posto possa andar benissimo per alcune persone e malissimo per altre. E' tutto molto soggettivo. Noi ci troviamo benissimo, amiamo il posto e la sua gente. E pur non vedendo solo i lati positivi, accettiamo i difetti e non ci pesano cosi tanto. In 5 anni, da quando viviamo qui, invece, ho visto tante persone, coppie o famiglie, trasferirsi e poi andarsene perchè proprio non è il posto per loro. A volte il sogno caraibico acceca un po' un'analisi critica e ci si ritrova dopo qualche mese in un posto che non è come quello che sognavamo. Diciamo che dopo la fase Mojitos sulla spiaggia ti accorgi che c'è altro ;)  

La realtà è molto diversa da quella italiana, è comunque un paese povero, dove ti trovi a dover fare i conti con la mancanza di cose che consideriamo scontate. Bisogna essere molto sinceri con se stessi e capire se è la realtà che fa per voi. I primi passi per trasferirsi in repubblica dominicana sono molto semplici secondo me: bisogna innanzitutto fare una seria analisi del paese e capire se fa per noi, venire a vedere in una o più vacanze esplorative cercando di guardare il più possibile la realtà senza viverla solo da turisti. E darsi del tempo per analizzare le cose. 

A chi consiglio la repubblica dominicana? A chi non ha paura di caldo e sole, a chi ama la musica ad alto volume e la gente che ti saluta e ti sorride ogni volta che ti incontra. 
Noi non vediamo l'ora di risalire sull'aereo che ci riporta nel nostro piccolo paesino. Vi aspettiamo?"



Flavia 


Ps se volete scoprire di più sulla vita nella Repubblica Dominicana e su Flavia:


Se volete raccontare la vostra storia da Expat, saró felicissima di raccontarla all'interno della mia rubrica, "Vi racconto le mamme Expat"

Inviatemi  i vostri racconti, muniti di foto, in formato word presso la mia casella di posta elettronica:

MammaStranger ( Valentina)






venerdì 30 giugno 2017

Umbria 2.0, maddechè: Vita di campagna VS vita di città ;-)

Mi trovo ancora nella "Mia Umbria", sì sempre qui, da dove pochi giorni fa' vi ho raccontato le cose incredibilmente belle che questo luogo riesce ad offrirmi, ma...perché c'è un ma, abituata come sono alla vita cittadina, delle volte -uscendo dalla propria zona di confort- faccio molta fatica ad adattarmi alla vita di campagna, fosse solo per una settimana, ma pur sempre fatica la chiamo.





Dunque proprio ieri mi ritrovavo a scrivere un bel messaggio tipo WhatsApp  ad una cara amica e mi sono accorta, anzi meglio, ci siamo accorte ( la mia amica ed io), che avevo scritto qualcosa di così TRAGI-COMICO che forse ne avrei potuto fare, un bel piccolo e succulento Post, così -tanto per ridere-anche se io in certi momenti ho riso davvero poco.

Dunque bando alle ciance, eccolo qui per voi tadaaaaa....

"Oggi guarda verrei pure io a cena da voi: qui due 🏐: temporale, pioggia e vento, i bambini roteano da una casa all'altra come indiavolati, mia madre brontola come sempre, mancava la luce dalle 8-alle 13 e ho aspettato per fare la lavatrice e accendere il Thermomix, nel tentativo di passare il tempo a fare dei dolcetti al cocco per mio nipote che stasera festeggerà il suo compleanno.

Il Wi-Fi non funziona, la rete 3G, 2g, 4g e manco 1g funziona, mia figlia mi ha scaricato per l'ennesima volta il credito telefonico, mandando faccine stupidine all'amica romana che vede 1 volta l'anno!!

È tornata la luce alle 13,45 dietro battito di mani all'unisono, di tutta la famiglia, per l'occasione ammucchiata dentro casa della nonna a mangiare cotolette e quindi cum gaudio magno sono tornata a casa, ho acceso il mio Thermomix è ho messo le chiare d'uova a montare, ho infilato i panni in lavatrice e alle 14,45 si è bloccato tutto: blackout!!!

Bimby bloccato con "Chiare" dentro che ormai si sono dannatamente smontate, nella lavatrice annaspano i calzini puzzolenti dei miei figli e chissà ancora per quanto... e dopo aver promesso a Leo che faremo il bagno alle 17 per ben 50 volte consecutive, ho visto il cielo rabbuiarsi sopra le nostre teste di nuovo e non so come fare a spiegargli che il bagno non lo faremo!!! 

Adesso a cena, davanti alla vostra zuppa di carote avrete di che ridere!!! Vi abbraccio tutti immensamente e nell'attesa di tornare alla civiltà svizzera mooolto presto !!! Che dire mi mancate molto❤️❤️😁

😂😊😜Ah scusa dimenticavo di dire che in questi 3 giorni ho anche fatto fuori circa 10 vespe che ogni giorno giocano a nascondino dentro la mia minuscola casa, ho svuotato due flaconi di insetticida ogni sera per sterminare famiglie di formiche volanti e non, ho raccolto un topo affogato in piscina col retino e sono piena di pizzichi grandi come uova che i minuscoli e graziosi pappataci mi hanno regalato sul mio corpo nonostante tutto, abbronzato!!! 
#comemirilassoinitalia
#menomalecheceilcaffeitaliano
#eilbellodeveancoravenirearoma😫"

Ecco l'ho fatto...adesso in molti riderete di me e delle mia vicissitudini tragicomiche ma...io sono Mammastranger e chi mi conosce bene sà...che mi auto ironizzo spesso e volentieri.

Qui Umbria 2.0, passo la linea alla regia per il prossimo servizio;-)


MammaStranger (Valentina)



mercoledì 28 giugno 2017

I viaggi di Mammastranger: 5 cose da fare in Umbria

"Annuso l'aria calda e respiro a pieni polmoni nella mia estate tutta Italiana."

Prima tappa del mio tour estivo: Umbria.








Nella tenuta che mia madre gestisce con molto amore, sudore e maestria, mi piace trascorrere parte delle mie vacanze Italiane, ma diciamo la verità che i veri fans sono i miei figli: loro adorano letteralmente questo posto, che offre loro momenti di pace, tranquillità, libertà e molto divertimento grazie alla presenza di grandi spazi all'aperto e di una piscina che offre ristoro nelle giornate più calde!! 
www.borgocallauzzo.blogspot.it






Ci troviamo a pochi km da Todi, denominata, non molti anni or sono, una tra le cittadine d'Italia più vivibili al mondo.

Qui in queste dolci colline, voglio consigliarvi 5 cose da fare, qualora decidiate di venire a visitare queste verdi e inebrianti colline dove i campi di grano e le distese di girasoli la fanno da padrone e la lavanda inonda l'aere di in profumo inebriante per la gioia degli occhi e la sublimazione dello spirito.










1) Una escursione a cavallo, grazie ad uno dei maneggi locali: si possono trascorrere delle vere e proprie gite grazie al trekking a cavallo, attraversando luoghi di incomparabile bellezza.
Ecco per voi un paio di siti interessanti, nel caso vogliate passare una giornata di questo tipo: www.fattoriadivibio.com e www.agrincontri.com

2) Assaporare la ricotta di pecora appena fatta  e ancora calda, ma prima che le pecore vengano portate a pascolare in montagna (transumanza), per l'eccessivo caldo: 
Azienda agricola Pasqua, www.campagnaamica.it , produce una delle ricotte più buone che abbia mai assaporato:-)

3) Partecipare ad una delle innumerevoli Sagre Paesane che i dintorni offrono:

In queste tipiche feste paesane, il più delle volte sono le donne stesse del paese a cucinare piatti e ricette tipicamente locali, come i manfricoli , ovvero uno speciale tipo di pasta alla chitarra, fatta con acqua e farina dal sapore sublime, oserei dire imperdibile!!!
www.umbriaeventi.com
www.eventiesagre.it  


4) Visitare la città di Todi con le sue viuzze, le antiche chiese e i ristoranti tipici, nelle vecchia città.
 La Piazza del Popolo che ospita, come in un salotto all'aperto, il palazzo comunale con la sua grandiosa scalinata.
Vi consiglio di lasciare l'auto nel parcheggio che si trova alla base della città e da qui, usufruire della comodissima funicolare che vi condurrà, in pochi secondi, fino quasi in centro città.
www.todi.net


5) Una visita alla cascata delle Marmore:

Inserita all'interno di un parco naturale, è una delle cascate tra le più alte d'Europa.
Questo il suo sito e mi raccomando in alta stagione , vi consiglio di prenotare la visita.
www.marmorefalls.it

A questo punto mi congedo da voi, lasciandovi sognare il vostro viaggio in Umbria e se passate da queste parti ..., mi raccomando veniteci a trovare:

 Borgo Callauzzo vi aspetta a braccia aperte;-)

MammaStranger (Valentina)




lunedì 5 giugno 2017

(La) Meteo in Svizzera... e se piove che si fa'???

C'era una volta una città con un clima sempre assolato, 
talmente tanto sole che non mi rendevo conto di che fortuna avessimo e di cosa volesse dire la parola "METEREOPATICA"!!!😁

C'era una volta una volta una città e oggi non c'è più o per meglio dire, la città c'è sempre ma noi viviamo altrove e (la) meteo, che qui si chiama cosi, non è esattamente la stessa di quella città, anzi direi che è molto molto diversa!!

Il clima in Svizzera è un po' come dire... montanaro - visto che dalle montagne siamo circondati- dunque cambia con una certa facilità e anche se noi insistiamo nel dire "non è possibile che domani ci sarà il temporale, guarda che cielo terso che si vede lassù", in realtà è molto più che possibile, è una realtà assodata, che puoi andare a letto avvampata di caldo, per il troppo sole preso ed il giorno successivo, ti svegli con lampi, fulmini e saette e magari anche una bella grandinata estiva!!!

Dunque cosa si fa con i marmocchi a piede libero, nelle lunghe giornate d'estate, se la pioggia, con tutte le sue conseguenze, ti coglie per cosi dire di sorpresa???


Orami ci siamo organizzati anche su questo fronte: il mio telefonino cellulare - che qui si chiama NATEL- ( e non ridete per favore....:-)), è ricco di App. Meteo di ogni tipo, ma la più efficace è senza dubbio "Meteo Swiss" che con i suoi allert a vari livelli d'intensità, mi avverte persino qualora dovesse esondare il lago, visto che abitiamo a 50 metri da esso e...bisogna fare attenzione anche a "lui" che non s'arrabbi, altrimenti sono guai e rischi di farti una bella settimana "a mo' di laguna veneziana" anche se vivi in Svizzera!!!





Dunque tornando a bomba sui nostri marmocchi: se il sole spunta, andiamo tutti al lago nei meravigliosi LIDI attrezzati, che la zona offre, oppure al FIUME a fare un tuffo nelle giornate più torride ( che a dire il vero non sono moltissime), in un bel parco giochi per i più piccoli, a fare un Pic Nic e ancora in montagna, a fare una bella escursione. 



Ma se piove?? 



In questo caso, io preferisco stare a casa, a fare un bel gioco in scatola tipo UNO, MONOPOLI ( qui in SWISS EDITION con franchi), ma anche DAMA e SCACCHI e se proprio non se ne può fare a meno, perché ormai è il tormentone dell'anno ( e lo sarà anche dell'estate, a giudicare da quel che vedo), anche una partita a CLASH ROYALE  non guasta, basta che facciamo attenzione che un Cucciolo di drago oppure un Pecca, il Gigante, la Strega, il Principe o il Moschettiere e infine gli Sgherri (cosi si chiamano giusto?), non ci mangino prima che il tempo sia scaduto e nella speranza che il sole torni a risplendere presto, molto presto anche dalle nostre parti!!!




MammaStranger (Valentina)




giovedì 25 maggio 2017

La vita da Expat ti cambia...per sempre?

Ultimamente mi sto divertendo a leggere diversi libri, sulla vita da Expat e quotidianamente mi "sintonizzo" sui canali internet di svariati siti, il cui tema principale è l'espatrio.
www.donnecheemigranoallestero.com


Mi è capitato di leggere una frase su un libro particolarmente di mio gradimento, Prezzemolo e Cilantro di Antonella Moretti, un' Italiana espatriata in Cina, con tutta la sua famiglia.

Una frase di quelle che ti fanno riflettere sulla tua condizione di Expat:

" E anche dopo 10 anni di Cina, saremo sempre dei laowai, degli stranieri. E allora viviamo in una bolla, LA BOLLA EXPAT." 

 Dopo attente riflessioni,  sapete cosa ho scoperto??

 Esiste un minimo comun denominatore valevole per tutti gli Expat.




Tutti e dico tutti gli Expat, di cui sto leggendo le vicende o vicissitudini, che dir si voglia, ma anche tutti gli amici o le persone Expat, che per svariati motivi, si sono avvicinati alla mia, di vita da Expat, hanno delle similitudini incredibili, dei punti cardine imprescindibili, delle attitudini che li rendono diversi e in egual misura simili.

Ma cos'è che accomuna tutti gli Expat?

Innanzi tutto, dovendo adattarsi a vivere in un ambiente diverso da quello dove sono spesso cresciuti e pasciuti, sentono l'esigenza di creare dei legami, che io chiamerei di "sorellanza"e, bada bene, non anche di fratellanza (attitudine che penserei nel caso maschile), perché solitamente, sono le donne che sentono questa necessità, oserei dire, spasmodica di conoscenza.

Questi legami sono essenziali perché il più delle volte andranno a sopperire alla mancanza di parenti ed amici che, abbiamo dovuto lasciare nel nostro paese e che purtroppo, non potranno far parte della nostra vita quotidiana.

Perché solo le donne sentono questa necessità e non anche l'uomo, vi chiederete voi?

E' abbastanza chiaro: solitamente l'uomo ( in caso di Famiglia di Expat) è colui che si segue per motivi di lavoro e pertanto, dovendo lui dedicarsi totalmente all'attività lavorativa, nel nuovo paese dove ci si è trasferiti, non avrà il tempo per dedicarsi alla ricerca di nuove amicizie, se non quelle che gli capitano (e sicuramente non sceglie) nell'ambito lavorativo.


Quest'attività, viene invece "affidata alle cure" della donna che, vuoi perché spesso non può lavorare per curare la prole nel nuovo paese, vuoi perché è più portata per le public relation, vuoi perché si sente frastornata nel ritrovarsi in altro luogo da quello che ha sempre conosciuto....per lei, diventa VITALE anzi oserei dire ESSENZIALE, crearsi e cercare delle nuove amicizie, che allentino e alleggeriscano il fardello della solitudine e lo stile di vita, così totalmente differente dal precedente in patria!!!

Frequentare un corso di lingue straniere, se il nuovo paese e le necessita lo richiedono;

E' essenziale per riuscire a comunicare altrimenti il rischio è di chiudersi in se stessi.

E se conoscete l'inglese, tanto meglio per voi, perché trattandosi della prima lingua al mondo, spesso ti "salva la vita", anche senza conoscere la lingua locale:-) (Vedi Mammastranger;-)



Lo stile di vita cambia (e ti cambia) radicalmente;

Non sono pochi i casi di Expat, a cui sento raccontare che da quando vivono all'estero, hanno totalmente cambiato il loro stile di vita, in che modo?


Per esempio in Svizzera, in molti hanno accolto "l'abitudine locale" e anche la sana pratica, di pranzare e cenare ad orari non certamente "spagnoli"... quindi pranzo alle 12 e cena alle 19 ( al massimo) ed io posso ritenermi un esempio vivente e vi assicuro che la cosa non mi dispiace affatto.

Questo mi permette di avere del tempo da dedicare a me stessa o alla coppia che, in molti casi non ha nemmeno la possibilità  di comunicare, se i figli sono "piedi piedi" fino ad orari impensabili!!!

I Piatti locali prendono il sopravvento sui nostri  tradizionali;

Esiste un detto, "Paese che vai cucina che trovi", ecco questo è quanto accade quando dopo alcuni anni che risiedi all'estero, le tue tradizioni in fatto di cucina, vengono annacquate dalle consuetudini culinarie locali.


Così può accadere che ti ritrovi a mangiare risotto in mille modi differenti e più volte alla settimana e che la luganighetta cotta al barbecue e la treccia di pane al burro, chiamata Zopf,  diventi uno dei tuoi cibi preferiti;-)

Treccia Zopf fatta da Mammastranger 


Ma per carità mai dimenticare le tradizioni!!!

Insomma la vita da Expat, ti cambia per sempre??


Io credo di si e voi cosa ne pensate??


Mammastranger (Valentina)


Ps:

Ti ritrovi a scrivere un blog con grande passione, come non hai mai fatto in tutta la tua (precedente ) vita!!!

mercoledì 24 maggio 2017

Le ricette di MammaStranger: Focaccia alle cipolle

Ma buongiorno a tutti, 😀
rieccomi con una nuova deliziosa ricetta che può essere utilizzata come aperitivo, merenda per i vostri bambini, ma anche come accompagnamento alla vostra cena al posto del pane.

Di cosa parlo?

Della Focaccia alle cipolle!!!




Io la preparo molto spesso, per la merenda dei miei bambini, quando escono dalla scuola e, non so i vostri,.. ma i miei sono talmente affamati, che se ne fanno fuori una teglia intera in tre secondi:-)

La sua particolarità è data dalla morbidezza dell'impasto e contemporaneamente dalla sua fragranza che la rende una focaccia dall'incomparabile bontà.

Questa la ricetta, che io preparo esclusivamente con il mio adorato "Robot da cucina"!!!

Ingredienti:

Impasto:

50 gr di olio;
100 gr di latte;
25 gr di lievito di birra fresco o 
2 cucchiaini e mezzo di quello disidratato;
10 gr di zucchero;
200 gr di acqua;
600 gr di farina bianca 00;
1 cucchiaino raso di sale;

Farcitura:

45 gr di olio EVO;
200 gr di cipolle bianche o rosse pulite a fette;
50 gr di acqua;
2 cucchiaini di sale;



Preparazione:

Ungere una ciotola con olio di oliva e tenere da parte;

Mettere nel boccale, il latte, il lievito, lo zucchero e sciogliere: 2 min, 37°, del 2;
Aggiungere l'acqua, l'olio di oliva, la farina e il sale, impastare 4 min Spiga;
Trasferire l'impasto nella ciotola, coprire con pellicola trasparente e lasciare lievitare per almeno 1 ora; ( io la lascio anche per 3 ore e viene ancora più buona e soffice);


Farcitura:

Preriscaldare il forno a 200°, ungere una placca con abbondante olio EVO;
Sistemare l'impasto sopra la placca e con le dita unte allargarlo sulla placca, lasciando un bordo più spesso intorno;


Mettere nel boccale, l'olio, l'acqua e il sale ed emulsionare 10 sec, vel 4;
Distribuire l'emulsione sulla focaccia in modo uniforme e lasciar lievitare ancora per circa 30 minuti;

Aggiungere le cipolle tagliate a fettine su tutta la larghezza ed infornare per 25-30 minuti a 200°

Mi direte ....che bontà!!!

Buon appetito

Mammastranger (Valentina)

mercoledì 17 maggio 2017

I "Mercoledì da Leoni", della Svizzera Italiana

Io non so, come funziona nel vostro paese, ma da quando vivo in Svizzera, i nostri mercoledì sono diventati alienanti.

Perche???



Chiamasi giornata corta: nei mercoledì Svizzeri, la scuola termina tra le 11,35 e le 11,45 e, da quel che ne so, in Svizzera interna, a scuola non si va proprio!!


E quindi che si fà? mi sono domandata più e più volte, appena atterrata nel "paese alieno", circa 4 anni or sono.

Si fa' che, le mamme non lavorano e corrono dietro ai loro marmocchi a destra e sinistra, accompagnandoli alle loro molteplici attività e chiaramente, chi (di marmocchi) più ne ha, più ne metta (di attività)!!

Pensavo di essermi tolta di dosso quella strana sensazione di "ansia da prestazione", che mi pervadeva costantemente nella mia città natale, Roma. 

Ma quando maiiii!!!
Ma de cheeee ( direbbero a Roma);-)

Da quando vivo a Locarno, con la scusa che è una piccola cittadina, molto vivibile, molto funzionale, molto ordinata, molto pulita, molto tranquilla etc etc, corro più di prima. 


Come dire, mi sono trincerata dietro il fatto che, "siccome si vive meglio", allora dobbiamo sfruttare al massimo tutte le sue qualità e tutte le nostre forze, dunque, i miei mercoledì li passo letteralmente saltellando da un capo all'altro dell'amabile cittadina, come fossi in preda ad un attacco ansiogeno di quelli da pauraaaa!!!



Corri alle prove di violino, corri a danza, poi la scherma, e ancora atletica per il più "piccolo della covata", e se per caso o per "accidenti", ti capita qualcosa di non previsto - tipo un compleanno di un amichetto, che chiaramente sempre di mercoledì sarà festeggiato-, una visita specialistica, un lavoro straordinario che ti può capitare, tra capo e collo, un "colpo secco", che anche quello può succedere; 


visti i ritmi frenetici dei nostri "MERCOLEDI DA LEONE", alloraaaaa: devi augurati di arrivare viva e vegeta, sana e salva, alla fine della tua giornata!!!

E i vostri di mercoledì come sono?? 

VI prego ditemi che assomigliano anche solo lontanamente ai miei, cosi mi rincuoro un po'e mi metto l'anima in pace!!!

MammaStranger (Valentina)

lunedì 15 maggio 2017

Attività primaverili in Svizzera Italiana

Primavera, decisamente la mia stagione preferita, probabilmente l'antepongo persino all'estate che, per me e per molte altre mamme, non sempre è riposante, come ci attenderemmo e soprattutto con quel gran caldo che mi toglie le forze, l'unica cosa a cui ambisco e stare ammollo dalla mattina alla sera;-)

Ma essendo oramai espatriata, ho dovuto rivedere anche le attività primaverili da organizzare con la mia big family e, devo dire, che qui in Svizzera Italiana il da fare non manca davvero!!!

Sono difatti moltissime le manifestazioni che a partire dal mese di aprile, in particolare, si succedono a ritmi serrati, risvegliando letteralmente i "fortunati cittadini" che qui risiedono, ma anche i numerosissimi turisti che si riversano letteralmente in Ticino per assistere alle manifestazioni primaverili.




Dunque bando alle ciance, stilerò per voi una lista delle migliori attività che potrete svolgere qui in Svizzera Italiana ed in particolare nella zona di Ascona e Locarno, qualora decidiate di venire a gironzolare da queste parti:


  • 20 maggio, La notte Bianca di Locarno: un intera notte in cui la ridente cittadina di Locarno, offrirà ai suoi innumerevoli visitatori, animazione, gastronomia, esposizioni culturali gratuite, concerti, musica e molto divertimento!!! www.nottebiancalocarno.ch 
  • 20-27 maggio, Ascona music festival: concerti a non finire per intenditori e non. www.asconamusicfestival.com
  • 25 maggio, Fragole in Piazza (Piazza Grande di Locarno): Festa delle fragole ed esibizioni varie. www.ascona-locarno.com/events
  • 25-28 maggio, Locarno Boat Show: Esposizione Nautica
  • 26-28 maggio Brocante (Locarno): Grande mercato annuale dell'antiquariato, che si terrà nelle viuzze incantevoli della città vecchia.
  • 27-28 maggio, Cantine aperte: visita cantine e possibili degustazioni per gli appassionati del buon vino. www.ticinowine.ch
  • 3-10 giugno Ascona Music Festival: Concerti
  • 2-4 giugno, Locarno Opera & Ballet. www.opera-ballet.ch
  • 2-5 giugno Beachvolley-coop beach tour Locarno: Manifestazione di beach volley. www.coopbeachtour.ch
  • 2-5 giugno Festival Artisti di Strada (Ascona): Piu di 100 spettacoli gratuiti offerti dai più disparati e talentuosi artisti di strada tra cui mimi, equilibristi, clowns e musicisti, provenienti da ogni parte de mondo. www.artistidistrada.ch
  • 9 aprile-13 agosto Mostra sulle opere di Robert Indiana presso la Pinacoteca di Casa Rusca

Insomma come vedete, da fare ce n'è fin troppo direi e, chiaramente, bisognerà fare una cernita tra le varie proposte.

Io in particolare, approfitterò della Notte Bianca per accedere ad alcuni musei e mostre che sino ad ora non ho avuto il tempo di visitare, tra cui l'eccellente mostra di Robert Indiana che mi sfizia parecchio.

A voi la scelta e...buon divertimento a tutti!!!

MammaStranger( Valentina)






domenica 14 maggio 2017

Le mamme moderne!!!

Oggi è la festa della MAMMA, festeggiata in tutti i paesi occidentali, ci ricorda ogni anno l'importanza del ruolo della mamma.


Ma basterà poi un giorno all'anno, per ricordare l'importanza che ha una madre?

Basterà a far ricordare, quanto la mamma sia una figura essenziale nella crescita dei propri figli, nel loro equilibrio e nella loro solidità psico fisica?

Quanto è riconosciuto nel mondo il ruolo di madre e/o, in quanti invece danno per scontato questa figura così importante, essenziale e oserei dire, vitale per la specie umana?

Sarà perché oggi se ne sentono delle belle, su giornali e media, sul ruolo di madre che sta sempre più cambiando ed evolvendosi, come è giusto che sia.

Le mamme oggi non sono più " quelle di una volta", simbolo esclusivo di crescita dei figli, uno o molteplici che siano e, che una volta messi al mondo, erano le uniche e imprenscindibili responsabili della giusta o sbagliata crescita dei pargoli.

Le "Mamme moderne", oggi, sono mamme ma anche molto di più.


Le regole del gioco sono cambiate, per forza o per volere, sono altre..., le Mamme Moderne non sono più, solo mamme come "una volta", sono mamme dei tempi, sono lavoratrici instancabili, mogli quasi perfette, tassiste h24 ma anche infermiere e psicologhe, amiche ed amanti - come ci ricorda un bel video postato su you tube e tradotto in moltissime lingue, perché giunga forte e chiaro a tutti "all over the world", il messaggio non troppo subliminale - e guai a non esaudire tutto ciò, per carità, sarebbe una catastrofe mondiale ;-)


Ma allora mi domando e dico, con il rischio di apparire esagerata: - perché non festeggiare tutti i giorni dell'anno la FESTA DELLA MAMMA??


Detto ciò, voglio fare gli auguri alla mia di Mamma, che oramai vive lontano da me... e non passa giorno che io non pensi a lei e a tutte le fatiche che (a suo modo) ha fatto, per tirar sù me, cosí come sono, bella o brutta, giusta o sbagliata ma, nuovamente madre di tre splendide creature ed oggi anche 

MammaStranger!!!

Grazie Mamma, TVB